TELELAVORO IN ROMANIA

1. Cosa significa telelavoro in Romania?
Il telelavoro è una forma di organizzazione del lavoro attraverso il quale il dipendente, in modo regolare e volontario, adempie le attribuzioni specifiche della mansione lavorativa, in un posto diverso dal posto di lavoro organizzato dal datore di lavoro, almeno un giorno al mese, utilizzando le tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

2. Il telelavoro deve essere previsto in modo espresso nel contratto individuale di lavoro?
L’attività di telelavoro deve essere espressamente prevista nel contratto di lavoro individuale appena concluso o da un atto aggiuntivo al contratto di lavoro individuale esistente.

3. Quali clausole specifiche deve contenere il contratto individuale di lavoro del telelavoratore?
Il contratto individuale di lavoro del telelavoratore deve contenere le seguenti clausole specifiche:
a) precisare espressamente che il dipendente lavora in regime di telelavoro;
b) il periodo e/o i giorni in cui il telelavoratore opera al posto di lavoro organizzato dal datore di lavoro;
c) il posto/i dove viene svolta l’attività di telelavoro;
d) il programma durante il quale il datore di lavoro ha il diritto di verificare l’attività del telelavoratore e la modalità concreta di esecuzione del controllo;
e) le modalità per tenere in evidenza le ore di lavoro prestate dal telelavoratore;
f) le responsabilità delle parti in funzione del posto/i dove viene svolta l’attività di telelavoro;
g) l’obbligo del datore di lavoro di assicurare il trasporto dei materiali che il telelavoratore utilizza durante la sua attività lavorativa al e dal posto dove viene svolta l’attività di telelavoro;
h) l’obbligo del datore di lavoro di informare il telelavoratore riguardo le disposizioni delle norme di legge, del contratto collettivo di lavoro applicabile e/o regolato internamente, in materia della protezione dei dati a carattere personale, nonché l’obbligo del telelavoratore di rispettare queste disposizioni;
i) le misure che il datore di lavoro prende affinché il telelavoratore non sia isolato dai restanti lavoratori e che assicurino a quest’ultimo la possibilità di incontrarsi con i colleghi in modo regolare;
j) le condizioni alle quali il datore di lavoro sostiene i costi relativi all’attività di telelavoro.

4. Quali obblighi specifici ha il datore di lavoro nel caso di un telelavoratore?
Il datore di lavoro ha i seguenti obblighi specifici:
a) fornire i mezzi relativi alla tecnologia dell’informazione e comunicazione e/o le attrezzature di lavoro sicure che sono necessarie per l’esecuzione del lavoro, salvo diversamente concordato dalle parti
b) installare, ispezionare e mantenere l’attrezzatura di lavoro necessaria, a meno che le parti non decidano diversamente;
c) assicurare le condizioni affinché il telelavoratore riceva una formazione sufficiente e adeguata in materia di sicurezza e salute sul lavoro.

5. Quali obblighi specifici ha il telelavoratore?
Il telelavoratore ha i seguenti obblighi specifici:
a) informare il datore di lavoro riguardo alle attrezzature di lavoro utilizzate e alle condizioni presenti nel luogo dove viene svolta l’attività di telelavoro e consentirgli l’accesso, per quanto possibile, al fine di stabilire e attuare misure di sicurezza e salute sul lavoro;
b) non modificare le condizioni di sicurezza e salute sul lavoro dei luoghi in cui svolgono l’attività di telelavoro;
(c) utilizzare solo attrezzature di lavoro che non rappresentano una minaccia per la sua salute e la sua sicurezza
d) svolgere la propria attività nel rispetto delle disposizioni relative agli obblighi dei lavoratori, così come previsto dalla Legge sulla sicurezza e la salute sul lavoro n. 319/2006, con successive modifiche, e in conformità con i termini del contratto individuale di lavoro;
e) rispettare le regole e le restrizioni specifiche stabilite dal datore di lavoro in relazione alle reti Internet utilizzate o all’uso delle attrezzature fornite.

6. Può un lavoratore rifiutare il telelavoro?
Sì, il dipendente può rifiutare l’attività di telelavoro. Il suo rifiuto non può costituire motivo di modifica unilaterale del contratto individuale di lavoro e non può costituire motivo di sanzione disciplinare

7. Come è organizzato il programma di lavoro nel caso di telelavoro?
Il programma di lavoro è stabilito in accordo con il datore di lavoro, in conformità con le disposizioni del contratto di lavoro individuale, del regolamento interno e/o del contratto collettivo di lavoro applicabile.

8. Può il telelavoratore fornire lavoro supplementare?
Il telelavoratore che ha un contratto di lavoro individuale a tempo pieno può fornire lavoro supplementare su richiesta del datore di lavoro e con il consenso del dipendente.

9. I rappresentanti dei dipendenti hanno accesso al luogo in cui il telelavoratore svolge la propria attività per verificare le condizioni di lavoro?
Si

10. Possono essere verificate le condizioni di lavoro da parte dei rappresentanti dei lavoratori e dalle autorità di vigilanza quando il telelavoratore lavora da casa?
Sì, questo è possibile, previo preavviso al telelavoratore e subordinatamente al suo consenso.


Pubblicato: